Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'Autorità, dopo la richiesta presentata da ANEA di proroga al 30 giugno in relazione alla complessità del lavoro che le Ato devono svolgere per adempiere alla presentazione della proposta tariffaria, concede una proroga dal 30 aprile al 2 maggio!

Purtroppo l'AEEGSI non ha tenuto conto nemmento delle sostanziali modifiche apportate al tool di calcolo in data 19 aprile.

Si riporta il comunicato ufficiale:

Raccolta dati: Determinazione delle tariffe del Metodo Tariffario Idrico MTI-2

anno 2016 - Periodo regolatorio 2016-2019

21 aprile 2016

L'Autorità ha predisposto una raccolta online dei dati e delle informazioni sul Servizio Idrico Integrato relativa alle approvazioni tariffarie da effettuare ai sensi del Metodo Tariffario Idrico MTI-2 (deliberazione 664/2015/R/idr) secondo quanto previsto nelle determine 2/2016 DSID e 3/2016 - DSID

Gli Enti di governo dell'ambito o gli altri soggetti competenti individuati con legge regionale, responsabili della predisposizione della tariffa, previo accreditamento presso l'Anagrafica, potranno provvedere alla trasmissione online degli schemi regolatori, degli atti e dei dati di cui al comma 7.3 lettera d) della deliberazione 664/2015/R/idr (MTI-2), ai fini dell'approvazione tariffaria relativa al periodo 2016-2019.

La procedura prevede la compilazione di maschere web e il caricamento di moduli (fogli di calcolo elettronici e/o documenti di testo) forniti dall'Autorità. Non saranno accettati dati forniti su fogli di lavoro diversi o modificati rispetto a quelli scaricabili dal portale.

In ragione dello scadere del termine di invio nella giornata di sabato 30 Aprile 2016, il portale di raccolta dati rimarrà aperto sino al 2 Maggio 2016.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'Autorità ha predisposto una raccolta online (a breve disponibile) con cui gli Enti di governo dell'ambito o gli altri soggetti competenti individuati con legge regionale, responsabili della predisposizione della tariffa, provvedono alla trasmissione degli schemi regolatori, degli atti e dei dati di cui al comma 7.3 lettera d) della deliberazione 664/2015/R/idr (MTI-2), ai fini dell'approvazione tariffaria relativa al periodo 2016-2019; in particolare vengono richiesti:

  1. Programma degli interventi;
  2. Mappa criticità-interventi;
  3. Dati economici, patrimoniali e Piano economico-finanziario coerente con i dati indicati nel file "RDT 2016" e contenuto nel file "Tool MTI-2";
  4. Relazione di accompagnamento alla predisposizione tariffaria;
  5. Atto/atti deliberativi di predisposizione tariffaria del soggetto competente (o eventuale istanza del gestore ai sensi del comma 7.5 del MTI-2);
  6. Convenzione di gestione (N.B. qualora in fase di adeguamento allo schema di convenzione tipo, fornire documentazione sullo stato di avanzamento e sulle tempistiche previste);
  7. Dichiarazione di veridicità del legale rappresentante del gestore, a corredo della modulistica trasmessa;
  8. Dichiarazione di ottemperanza al D.Lgs. 31/2001 al 31.1.2016;
  9. Fonti contabili obbligatorie che certifichino gli elementi di costo o di investimento indicati;
  10. Piano d'Ambito o altra documentazione.

La procedura prevederà la compilazione di una maschera web (denominata "Territorio servizio") e il caricamento dei moduli reperibili come di seguito esplicitato:

  1. Programma degli interventi Mappa criticità-interventi, allegati alla Determina 2/2016 - DSID;
  2. file RDT 2016 :  se presente, nella versione precompilata nella sezione dei dati storici della Raccolta dati denominata Download RDT 2016 precompilati per gestioni approvate secondo MTI,
    altrimenti nella versione excel da compilare in allegato alla Determina 3/2016 - DSID; vedi anche comunicato e Istruzioni per la compilazione dei fogli excel servizi idrici 2016;
  3. file Tool MTI-2 - vedi comunicato;
  4. la Relazione di accompagnamento allegata alla Determina 3/2016 - DSID;
  5. la Dichiarazione di veridicità del legale rappresentante del gestore e la Dichiarazione di ottemperanza al D.Lgs. 31/2001 al 31.1.2016.

Non saranno accettati dati forniti su fogli di lavoro diversi o template modificati rispetto a quelli forniti dall'Autorità.
I soggetti interessati dovranno completare la raccolta entro il 30 Aprile 2016.

Fonte AEEGSI

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'AEEGSI ha deciso di prorogare le scadenze della Raccolta Dati efficienza e qualità SII. I nuovi termini sono i seguenti:

- 25 marzo per l'inserimento dati da parte dei gestori;

- 4 aprile la convalida da parte dell'EGATO.

http://www.autorita.energia.it/it/operatori/operatori_idr.htm

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Modalità per la presentazione dell’istanza di partecipazione al meccanismo per il riconoscimento dei crediti non riscossi nel settore idrico introdotto dalla deliberazione AEEGSI 627/2015/R/COM

Con la deliberazione 627/2015/R/COM  l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico ha dato disposizioni riguardo al riconoscimento dei crediti non riscossi relativi alla fornitura del servizio idrico integrato alle popolazioni colpite dal sisma del 20 maggio 2012 e giorni successivi, così come previsto dall’art. 23.2 della deliberazione 6/2013/R/COM.

I gestori del servizio idrico integrato che intendono partecipare al meccanismo, ai sensi dell’art. 5.1 della Deliberazione, possono presentare apposita istanza di partecipazione alla Cassa contenente:

  1. modello art. 6.2 lett. a) (Allegato 1 alla circolare CSEA n, 3/2016);
  2. autocertificazione redatta ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, circa la veridicità delle informazioni contenute nell’istanza;
  3. relazione di una società di revisione legale che esprima un giudizio di conformità dell’ammontare dei crediti non riscossi CNRi come definiti dall’art. 5.1 della Deliberazione e i valori esposti a bilancio.

L’istanza di partecipazione dovrà essere inviata, correlata della documentazione richiesta, mediante posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.. La sola documentazione richiesta dall’art. 6.2 lett. c) della Deliberazione potrà essere inviata tramite supporto cd-rom a mezzo posta alla Cassa per i servizi energetici e ambientali

http://www.csea.it/archivi/circolari-settore-idrico/circolare-3-2016-idr

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nuovi e importanti emendamenti del PD al Ddl sull'acqua, all'esame della commissione Ambiente della Camera:

- L'affidamento diretto del servizio idrico integrato deve avvenire "in via prioritaria" a favore di società interamente pubbliche, in possesso dei requisiti prescritti dall'ordinamento europeo per la gestione 'in house', comunque partecipate dagli enti locali ricadenti nell'ambito territoriale ottimale. - Il servizio idrico integrato è considerato un servizio pubblico locale di interesse economico generale assicurato alla collettività

Nel documento  di presentazione degli emendamenti, si segnala che "esistono nel Paese esperienze molto diversificate e con diverso grado di successo, indipendentemente dalla loro natura pubblica/mista/privata". Secondo i presentatori delle proposte emendative "la sfida e' dimostrare, non con le affermazioni di principio, ma con i fatti, che esiste un pubblico virtuoso, in grado di fare investimenti, di chiudere procedure di infrazioni, di dare un servizio di qualita'". Viene tuttavia considerato "sbagliato imporre una gestione pubblica, magari andando a interrompere processi virtuosi avviati anche faticosamente in questi anni dai territori, nella piena liberta' di scelta dei Comuni che hanno sempre la responsabilita' della scelta del modello di gestione".

http://www.camera.it/leg17/126?tab=&leg=17&idDocumento=2212&sede=&tipo=

 

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La Direzione sistemi idrici (DSID) ha organizzato, il 22 gennaio 2016 un Seminario in cui sono stati illustrati i criteri e le regole  definiti dalle deliberazioni 655/2015/R/idr (sulla qualità contrattuale del servizio idrico integrato), 656/2015/R/idr (sulla convenzione tipo) e 664/2015/R/idr (sul metodo tariffario idrico per il secondo periodo regolatorio, MTI-2).

http://www.autorita.energia.it/it/eventi/160122.htm

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La Regione Abruzzo ha provveduto ad approvare due importanti strumenti di programmazione: la nuova stesura del Piano Regionale di Tutela delle Acque (PRTA) ed il documento strategico per l’elaborazione del suo aggiornamento con profonde modifiche: sono state prontamente avviate le attività per giungere al nuovo PRTA definitivamente revisionato e adeguato.

L’approvazione del PRTA avviene contestualmente all’aggiornamento dei ‘Piani di Gestione Acque Distrettuali’, secondo la specifica Direttiva comunitaria avvenuta in sede di Autorità di Bacino Nazionale del 17 dicembre scorso, ed e' accompagnata dalla formulazione di un dettagliato programma di aggiornamento del Piano stesso che verrà concluso entro l’anno.

http://www.regione.abruzzo.it/pianoTutelaacque/

 

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il provvedimento approva, ai fini della valorizzazione dei conguagli nell'ambito del Metodo Tariffario per il secondo periodo regolatorio MTI-2, le predisposizioni tariffarie proposte dall'Autorità d'Ambito ATO 5 Lazio Meridionale - Frosinone per il gestore Acea ATO 5 S.p.A. per il periodo 2012-2015

http://www.autorita.energia.it/it/docs/16/051-16.htm

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2013/51/Euratom che stabilisce requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle acque destinate al consumo umano. La direttiva fa riferimento alle sostanze radioattive sia di origine naturale (decadimento di atomi di isotopi radioattivi che si trovano normalmente in natura) che artificiale (decadimento di atomi di isotopi radioattivi prodotti da alcune attività tecnico-industriali).

http://www.governo.it/sites/governo.it/files/TESTO_11.pdf

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’Autorità ha messo a disposizione degli operatori un applicativo web per il calcolo della stima del numero di prestazioni/eventi non validi o non conformi, come previsto dall’art. 88 della delibera n. 655/2015 (RQSII).

http://www.autorita.energia.it/mox/

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La Struttura di Missione #italiasicura contro il dissesto Idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche, ha presentato il dossier sullo stato degli investimenti nel servizio idrico integrato. Una analisi che ben rappresenta la situazione della spesa di risorse pubbliche per la gestione dell’acqua e le prospettive di questo settore.

http://italiasicura.governo.it/site/home/news/documento477.html

 Notizie contrapposte


Cassazione: Ente Acquedotti Siciliani risarcirà per mancata fornitura acqua potabile                               ABBANOA, Tribunale Tempio (OT): tariffa slegata da qualità acqua

La Corte di Cassazione bocciando il ricorso dell'Ente acquedotti siciliani – Eas, ha stabilito che                                     Illegittima la richiesta di dimezzamento delle tariffe per i periodi di non potabilità: è quanto ha stabilito il Tribunale di Tempio

dovrà risarcire il danno legato alla mancata fornitura di acqua potabile nel periodo in cui il                                           in relazione alla richiesta di un utente non domestico nei confronti i Abbanoa. La ditta, richiamando quanto stabilito

comune di Gela aveva ordinato alla cittadinanza di stenersi dall'uso dell'acqua potabile,                                               dal Provvedimento CIP n. 26 del 15 agosto 1975 si era rivolta al Tribunale di Tempio richiedendo,invano il dimezzamento degli 

"in quanto i parametri chimici e i caratteri organolettici erano difformi da quelli previsti dalla  legge".                             importi a causa della non potabilità dell'acqua.

http://www.lasicilia.it/articolo/la-cassazione-niente-acqua-potabile-il-gestore-delle-rete-deve-risarcire-gli-utenti                  13. Nel caso di forniture particolari, non raffigurabili tra quelle previste dal provvedimento n. 45/1974 ed in particolare per

                                                                                                                                                                   e utenze di acqua non potabile, i nuovi prezzi di vendita al consumo non dovranno superare il livello del 50% delle 

                                                                                                                                                                   corrispondenti tariffe previste dal summenzionato provvedimento.”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Con  la Determina 16 febbraio 2016 n. 1/2016 – DSID, è stata definita la procedura di raccolta dati ai fini dell’indagine conoscitiva sull’efficienza del servizio idrico integrato e della relativa regolazione della qualità per l’anno 2014.

L'invio dei dati è possibile esclusivamente tramite modalità online. Il sistema di raccolta prevede la compilazione di maschere, nonché la possibilità del cosiddetto "caricamento massivo" per la trasmissione di basi dati estese.

Non sono ammessi dati forniti su supporti differenti.

Possono accedere al sistema e provvedere alla trasmissione dei dati e delle informazioni richieste solo gli Enti di governo dell'ambito e i Gestori del SII, previo accreditamento presso l'Anagrafica.

Il termine per l'invio dei dati, come stabilito all'art. 3 della determina 1/2016 – DSID, è fissato nel:

- 15 marzo 2016 per i soggetti gestori;

- 25 marzo 2016 per gli Enti di governo dell'ambito (convalida).

http://www.autorita.energia.it/it/docs/16/001-16dsid.htm