Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Centro  Ricerca e Studi CDP (Cassa Deposito Presti) ha pubblicato online il Rapporto 2017 di Finanza Locale, che tratta in questo numero le questioni relative al debito pubblico, alla sua evoluzione sia in ambito locale sia europeo, agli investimenti all'interno del Sistema Idrico Integrato e a quelli effettuati per reti maggiormente all'avanguardia come la banda ultralarga.

https://www.cdp.it/ImagePub.aspx?id=1779457

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'VIII Commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera dei Deputati ha convocato in audizione il 6 settembre 2017 l'Anea (Associazione Nazionale Autorità ed Enti di Ambito) con lo scopo di aprire un indagine incentrata sull'emergenza idrica e sulle misure da attuare in risposta ad essa. Si riporta il testo dell'intervento:

http://www.associazioneanea.it/audizione-presso-viii-commissione-ambiente-territorio-e-lavori-pubblici-camera-dei-deputati-roma-6-settembre-2017/

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La città di Roma ospiterà dal 23 al 25 ottobre 2017 il "Meeting of the great rivers of the world", promosso dal Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare in collaborazione con Unece (United Nations Economic Commission for Europe), la rete internazionale delle organizzazioni di bacino (Inbo) e Aquamadre. Il presente e il futuro dell'acqua e le gravi conseguenze derivanti dai cambiamenti climatici costituiranno i temi di questo incontro a cui parteciperanno i rappresentanti dei maggiori bacini fluviali del mondo. Il meeting fornirà inoltre l'occasione per affrontare le questioni delle proposte di progetto e del finanziamento, oltre a costituire un importante momento di condivisione.

 http://www.minambiente.it/water-and-climate-summit

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/images/ce30f10d-f091-41ea-99ad-1efdfef871e5.jpg

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/files/17f37586-3dde-41f9-a857-1a7d84980862/articolo_Gazzetta_Forense.pdf

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

In Italia gli acquedotti subiscono una perdita d'acqua pari a circa il 42%, riconducibile al fatto che gran parte delle condotte italiane sono ormai datate (il 36% presenta un'età compresa tra i 31 e i 50 anni, il 22% supera quest'ultimo limite). Alla luce di questo quadro sono stati approvati dai gestori circa 130 piani che prevedono investimenti per circa 2,2 miliardi l'anno, ma sono stimati interventi per 3,2 miliardi di euro l'anno. Questo il rapporto di Autorità energia in audizione alla Commissione Ambiente della Camera.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

AEEGSI ha avviato un procedimento sanzionatorio, nei confronti del Comune di Boissano, per l’accertamento delle violazioni della regolazione tariffaria del SII e per l’adozione di provvedimenti sanzionatori e prescrittivi, ai sensi dell’articolo 2, comma 20, lett. c) e d) della legge 481/95, chiedendo al Comune di Boissano e a Ponente Acque S.c.p.a., ai sensi dell’articolo 10 dell’Allegato A alla deliberazione 243/2012/E/com, di inviare all'Autorità, entro 60 giorni dalla comunicazione della determinazione,  informazioni e documenti idonei a dimostrare l’adempimento alle prescrizioni di cui alla deliberazione 489/2013/R/idr (determinazione d'Ufficio di theta 0,9) nonché  alle prescrizioni in materia di fatturazione della componente tariffaria UI1, nei termini di cui in motivazione.

http://www.autorita.energia.it/it/docs/13/489-13.htm

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/images/c50f519b-d5d0-4cd0-abb0-9e2b9ef3c0dc.png

Delibera 20 luglio 2017 545/2017/R/idr: Energia Verde Idrica S.p.A.


Approvazione dell’istanza di deroga temporale  dagli obblighi relativi all'orario di apertura degli sportelli provinciali avanzata, ai sensi dell'articolo 52 comma 5 del RQSII, dal Commissario Straordinario dell'Ato 2 Napoli Volturno, d'intesa con il gestore Energia Verde Idrica S.p.A. e le Associazioni dei consumatori territorialmente competenti.

http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/545-17.htm

 

 

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/images/b526bb78-c8b0-4498-ad8b-92cebb17fd2c.png

Delibera 13 luglio 2017 533/2017/R/idr: Acque Bresciane S.r.l.

Approvazione dell’istanza di deroga temporale  dagli obblighi relativi agli orari di apertura degli sportelli provinciali avanzata, ai sensi dell'articolo 52, comma 5 del RQSII, dall'Ufficio d'Ambito di Brescia, d'intesa con il gestore Acque Bresciane S.r.l. e le Associazioni dei consumatori territorialmente competenti.

http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/533-17.htm

 

 

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/images/090ad2a2-5d15-4bce-b0f1-b7a4bab095d4.jpg

Delibera 28 giugno 2017 498/2017/R/idr: Tea Acque S.r.l e AqA Mantova S.r.l 

Approvazione dell’istanza di deroga temporale per un periodo di dodici mesi dall'applicazione delle prescrizioni in materia di misura d'utenza del SII avanzata, ai sensi dell'articolo 5 della deliberazione 218/2016/R/idr, dall'Ufficio d'Ambito della Provincia di Mantova, d'intesa con i gestori Tea Acque S.r.l. e AqA Mantova S.r.l
http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/498-17.htm

 

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/images/84728e17-e860-4b65-9d5b-cb5903adb079.jpg

Delibera 8 giugno 2017 497/2017/R/idr: Consorzio per la Depurazione delle Acque di Scarico del Savonese S.p.A.

Approvazione dell’istanza di deroga dagli obblighi relativi agli orari di apertura degli sportelli provinciali avanzata, ai sensi dell'articolo 52, comma 5 del RQSII, dall'Ente di governo dell'Ato Centro Ovest 1, d'intesa con il gestore Consorzio per la Depurazione delle Acque di Scarico del Savonese S.p.A. e l'Associazione dei consumatori territorialmente competente.

http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/497-17.htm

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Dal 27 giugno 2017 è in vigore il “nuovo Madia”, ossia il d.lg. 17 giugno 2017, n. 100 (c.d. Correttivo), che ha sostanzialmente modificato il Decreto Madia (d.lg. n. 175/2016) in materia di società a partecipazione pubblica.

Viene così sanata la parziale illegittimità dichiarata dalla sentenza della Corte costituzionale n. 251/2016 della legge delega (l. n. 124/2015) nella parte in cui si limitava a prevedere il parere, anziché l’intesa, della Conferenza Unificata.

In sintesi con il Nuovo Madia:

- sono ammesse anche le partecipazioni pubbliche detenute nelle società aventi per oggetto sociale prevalente la produzione di energia da fonti rinnovabili.

- viene confermata la possibilità per le amministrazioni pubbliche di acquisire o mantenere partecipazioni in società che producono servizi economici di interesse generale a rete, anche fuori dall’ambito territoriale della collettività di riferimento, purché l’affidamento avvenga tramite procedure ad evidenza pubblica.

- vengono definite le caratteristiche del fatturato residuale rispetto alla quota dell’ottanta per cento che deve essere effettuato nello svolgimento dei compiti affidati dall’ente pubblico.

-  vi è la possibilità di prevedere di essere amministrate da un consiglio di amministrazione composto da tre o cinque membri.

- precisazioni in tema di ripiano delle perdite nelle società partecipate

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/images/1bc71955-501b-47b2-abd7-24ad7a0dce35.png

Delibera 1 luglio 2017 515/2017/R/idr: Acque di Caltanissetta S.p.a.

Approvazione dello schema regolatorio, recante le predisposizioni tariffarie per il periodo 2016-2019, proposto dal Consorzio Ambito Territoriale Ottimale Caltanissetta in liquidazione per il gestore Acque di Caltanissetta S.p.a.
http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/515-17.htm

 

 

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/images/101f1349-222c-41e6-912b-45d21e3ff041.jpg


 

 

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/images/44c6cabc-088a-45a6-a96d-036f842ced95.jpg 

 

Delibera 22 giugno 2017 469/2017/R/idr: Acquaenna S.c.p.a.

Approva lo specifico schema regolatorio per il periodo 2016-2019, proposto dal Consorzio ATO 5 Enna in liquidazione per il gestore Acquaenna S.c.p.a.
http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/469-17.htm

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il DCO 562 del 27 luglio 2017, illustra i primi orientamenti dell'Autorità in materia di regolazione della qualità tecnica del servizio idrico integrato, descrivendo l'impostazione generale che l'Autorità intende adottare al fine di introdurre ulteriori misure per la tutela degli interessi dell'utenza e per incentivare adeguati livelli di performance. In particolare si propone la definizione di standard specifici, generali e di efficienza nell'erogazione del servizio, volti a sostenere il progressivo allineamento del sistema infrastrutturale nazionale ai parametri definiti in ambito europeo e nazionale, favorendo sull'intero territorio anche i necessari livelli di tutela della risorsa idrica e dell'ambiente.

I soggetti interessati sono invitati a far pervenire all'Autorità le proprie osservazionientro il 21 settembre 2017.

http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/562-17.htm

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/files/0afbaf87-7c2f-4ff2-977d-f656ebd76dcd/562_17st.01.pdf

 

 

 

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Gli antichi romani ebbero il merito straordinario di sfruttare efficacemente le conoscenze in loro possesso nell’ambito di architettura e ingegneria in favore dell’approvvigionamento idrico, dei sistemi di drenaggio urbano e dei complessi termali, elevandole a livelli altissimi. Per essi l’acqua era strettamente legata al benessere personale e collettivo, ed era considerata non solo come fondamentale per i bisogni primari, quindi come strumento necessario all’igiene quotidiana, a placare la sete e alla cucina, ma anche come una sincera fonte di diletto e di piacere, e in quest’ottica nacquero le terme. Furono in grado, dunque, di sviluppare opere idrauliche estremamente efficienti e variegate, ma contraddistinte, in ogni luogo dove esse sorsero, da un’austera maestosità. Agli antichi romani va inoltre riconosciuto il merito di aver assegnato una chiara definizione alla disciplina giuridica delle acque, sarà infatti la legislazione romana a chiarire e a collegare le esigenze della proprietà personale e dell’economia con i necessari usi collettivi del bene idrico.......

 

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/files/dfb9e384-1430-4f43-84c8-626fd6449bf1/IDRAULICA_anticaroma_Paolo.pdf

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'Autorità con il DCO n. 470 del 22 giugno 2017 ha avviato una consultazione che illustra gli orientamenti generali dell'Autorità tesi alla definizione dei criteri e delle modalità operative per l'implementazione della disciplina relativa al bonus sociale idrico, a favore delle categorie di utenza in documentato stato di disagio economico sociale.
In particolare, nell’intento di introdurre regole uniformi per l’intero territorio nazionale, il documento:
• prevede che le utenze domestiche in situazione di disagio economico sociale aventi diritto al bonus siano quelle residenti con ISEE fino a 8.107,50 euro, ovvero con ISEE non superiore a 20.000 euro nel caso di famiglie con più di tre figli a carico (in attuazione delle disposizioni legislative che impongono coerenza con gli altri settori regolati dall’AEEGSI);
 • ipotizza che l’ammontare del bonus sia calcolato da ogni gestore: o in funzione della numerosità familiare (in misura pro capite, ossia tenendo conto del numero effettivo di persone che compongono il nucleo familiare); o applicando alla “quantità essenziale di acqua necessaria al soddisfacimento dei bisogni da tutelare” (individuata a livello nazionale in 18,15 mc abitante/anno, corrispondenti ai 50 litri/abitante/giorno stabiliti dal legislatore) la “tariffa agevolata”, applicata dal medesimo gestore alle restanti utenze domestiche residenti che verrà determinata anche sulla base degli esiti della consultazione relativa all’articolazione tariffaria. 
 • prevede che la copertura dell’onere derivante dal riconoscimento del bonus possa essere garantita implementando due meccanismi, eventualmente alternativi: uno operante su base nazionale mediante l’istituzione di una nuova componente tariffaria UI3 che alimenterà un apposito Conto presso la Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA) - espressa in centesimi di euro per metro cubo, applicata a tutte le utenze del servizio idrico integrato come maggiorazione ai corrispettivi di acquedotto, fognatura e depurazione; l’altro su base locale.

http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/470-17.htm

 

https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/files/33af6b95-3a01-4c83-97d0-7ee1791f9005/470_17st.pdf