Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Mediante la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n.277 del 27-11-2017), è stata presentata la legge europea 2017, denominata "legge 20 novembre 2017, n. 167 Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea". L'entrata in vigore della legge è prevista per il prossimo 12 dicembre.  Entrando maggiormente nel dettaglio, il capo VI è dedicato alle Disposizioni in materia di tutela dell’ambiente e il Capo VII alle Disposizioni in materia di energia e di fonti rinnovabili. Sono riportati di seguito gli articoli 16 e 17 appartenenti al Capo VI:
Art. 16 Disposizioni in materia di tutela delle acque. Monitoraggio delle sostanze chimiche. Caso EU Pilot 7304/15/ENVI: 1. All’articolo 78-sexies, comma 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi:  «Le autorità di bacino distrettuali promuovono intese con le regioni e con le province autonome ricadenti nel distretto idrografico di competenza, al fine di garantire l’intercomparabilità, a livello di distretto idrografico, dei dati del monitoraggio delle sostanze prioritarie di cui alle tabelle 1/A e 2/A e delle sostanze non appartenenti alla lista di priorità di cui alla tabella 1/B dell’allegato 1 alla parte terza. Ai fini del  monitoraggio e della valutazione dello stato della qualità delle acque, le autorità di bacino distrettuali promuovono altresì intese con i medesimi soggetti di cui al periodo precedente finalizzate all’adozione di una metodologia di valutazione delle tendenze ascendenti e d’inversione della concentrazione degli inquinanti nelle acque sotterranee. A tale fine, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, l’ISPRA rende disponibile mediante pubblicazione nel proprio sito internet istituzionale l’elenco dei laboratori del sistema delle agenzie dotati delle metodiche di analisi disponibili a costi sostenibili, conformi ai requisiti di cui al paragrafo A.2.8-bis dell’allegato 1 alla parte terza. Le autorità di bacino distrettuali rendono disponibili nel proprio sito internet istituzionale, ai sensi dell’articolo 8 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 195, i dati dei monitoraggi periodici  come  ottenuti dalle analisi effettuate da tali laboratori”. 

Art. 17 Corretta attuazione della direttiva 91/271/CEE in materia di acque reflue urbane, con riferimento all’applicazione dei limiti di emissione degli scarichi idrici:Nella tabella 2 dell’allegato 5 alla  parte  terza del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante «Limiti di emissione per gli impianti di acque reflue urbane recapitanti in  aree  sensibili», le parole: «Potenzialità impianto in A.E.» sono sostituite dalle seguenti: «Carico generato dall’agglomerato in A.E.». 2. Le eventuali ulteriori attività di monitoraggio e controllo derivanti da quanto previsto dalla disposizione di cui al comma 1 sono svolte con le risorse disponibili a legislazione vigente, nei limiti delle disponibilità di bilancio degli organi di controllo e, comunque, senza  nuovi o maggiori oneri  a  carico della finanza pubblica o a carico della tariffa del servizio  idrico  integrato  di cui all’articolo 154, comma 1, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, per le attività svolte dal gestore unico del servizio idrico integrato. 3. Dall’applicazione delle disposizioni di cui al comma 1 non devono derivare effetti sulle materie disciplinate ai sensi dell’articolo 92 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nè conseguenze sull’applicazione del medesimo articolo 92 in relazione ai limiti di utilizzo di materie agricole contenenti azoto, in particolare degli effluenti zootecnici e dei fertilizzanti, nelle zone vulnerabili da nitrati di origine agricola”.

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/11/27/17G00180/SG

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Osservazioni dell’ANEA al documento per la consultazione 16 Novembre 2017 767/2017/R/idr  “Aggiornamento biennale delle predisposizioni tariffarie del servizio idrico integrato”.

http://www.associazioneanea.it/osservazioni-aeegsi-2017/

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

Delibera 14 dicembre 2017 866/2017/R/idr: ATO Idrico Est Provincia della Spezia, d’intesa con il gestore Ireti S.p.A.

 

Approvazione dell’istanza di deroga dall’obbligo di apertura dello sportello unico provinciale nel territorio della provincia della Spezia avanzata, ai sensi dell’articolo 52 comma 2 del RQSII, dall’ATO Idrico Est Provincia della Spezia, d’intesa con il gestore Ireti S.p.A. 


https://www.autorita.energia.it/it/docs/17/866-17.htm 

 

 

 

Delibera 30 novembre 2017 803/2017/R/idr: Ato Ovest Provincia di Imperia

Approvazione delle istanze di deroga dagli obblighi relativi agli orari e all'apertura degli sportelli provinciali avanzate, ai sensi dell'articolo 52, commi 2 e 5 del RQSII, dall'ATO Ovest Provincia di Imperia, d'intesa con i gestori Ireti S.p.A., 2i Rete Gas S.p.A. e con le Associazioni dei Consumatori territorialmente competenti. Il provvedimento approva altresì l'istanza di deroga dal rispetto degli obblighi concernenti l'orario minimo di apertura degli sportelli provinciali avanzata dal Comune di Triora, d'intesa con le Associazioni dei consumatori territorialmente competenti. 


https://www.autorita.energia.it/it/docs/17/803-17.htm           

Osservatorio Gocce d'acqua: il Comune di Triora (IM), è stato uno dei primi comuni ad aderire all'OGA. Anche la richiesta di deroga, come tutte le altre disposizioni regolatorie, rientra tra le attività delle quali possono beneficiare gli associati.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Seminario Digital Water: appaltare, progettare, costruire, gestire e manutenere per infrastrutture e i servizi 4.0 si è tenuto il 20 ottobre 2017 ed è stato caratterizzato da un confronto orientato alla discussione dei temi legati allo  sviluppo ‘digital’ del settore dell’acqua. Sono stati affrontati temi collegati alla digitalizzazione delle reti idriche, alle tecnologie smart e IoT, alla modellazione. Al termine del Seminario è stato organizzato un incontro a cui hanno partecipato diversi Gestori italiani, Hera, Iren, Metropolitana Milanese, Padania Acque, Asa Livorno, Piave servizi, i quali hanno discusso di efficienza nell’erogazione dei servizi, sistemi Informativi evoluti, Acqua 4.0 e Investimenti e Digitalizzazione.

http://www.digitalbimitalia.it

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

 

Delibera 2 novembre 2017 738/2017/R/idr: Gestori operanti nella regione Calabria

 

La deliberazione interessa le gestioni operanti nel territorio della Regione Calabria, provvedendo ad escluderle dall'aggiornamento tariffario - ponendo provvisoriamente il teta massimo pari a 1 - nelle more dell'acquisizione degli ulteriori elementi finalizzati alla conclusione del procedimento di approvazione tariffaria.


http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/738-17.htm 

 

 

Delibera 5 dicembre 2017 851/2017/R/idr: AURI - Umbria Acque

 

Il provvedimento intima all'Autorità Umbra Rifiuti ed Idrico (AURI), subentrata all'ATI1 e ATI2 Umbria, l'adempimento dell'obbligo, di cui alla deliberazione dell'Autorità 764/2016/R/idr, di trasmissione della Carta dei servizi come modificata, d'intesa con il gestore Umbra Acque S.p.a. e le Associazioni dei consumatori operanti nel territorio, al fine di attestare il recepimento integrale delle prescrizioni in materia di qualità contrattuale recate dal RQSII di cui alla deliberazione 655/2015/R/IDR.


http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/851-17.htm

 

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il convegno "La depurazione idrica in Italia: da criticità ad opportunità" ha avuto luogo a Firenze lo scorso 20 ottobre 2017 ed è stato organizzato da Legambiente Toscana. Il convegno ha fornito l'occasione per analizzare lo stato dei sistemi di depurazione del Servizio idrico integrato. Gli interventi, disponibili online, sono ripartiti attraverso tre sessioni tematiche: la depurazione in Italia: stato dell'arte e criticità della filiera; il punto di vista dei gestori;  le soluzioni innovative nell'ambito della depurazione.

http://www.legambiente.it

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Delibera 16 novembre 2017 767/2017/R/idr: Aggiornamento MTI2

Il documento per la consultazione illustra gli orientamenti generali dell'Autorità per l'individuazione delle modalità necessarie a procedere all'aggiornamento biennale, previsto dall'articolo 8 della deliberazione 664/2015/R/idr (recante il Metodo Tariffario Idrico per il secondo periodo regolatorio, MTI-2), ai fini della rideterminazione delle tariffe del servizio idrico integrato per le annualità 2018 e 2019.
In particolare, si sottopongono a consultazione sia le modalità di aggiornamento di talune componenti di costo ammesse al riconoscimento tariffario, sia gli orientamenti per l'introduzione di misure volte ad integrare e completare il vigente sistema di regole tariffarie in considerazione degli impatti conseguenti alle discipline che l'Autorità sta definendo in materia di qualità tecnica e di tutela delle utenze in condizioni di disagio economico sociale.
Scheda tecnica
http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/767-17.htm

Delibera 10 novembre 2017 748/2017/R/idr: RQTI
Il documento  sottopone a consultazione gli orientamenti finali dell'Autorità in materia di regolazione della qualità tecnica del servizio idrico integrato.
In particolare, in questa sede vengono descritti nel dettaglio i prerequisiti, gli standard specifici a cui associare un indennizzo automatico e gli standard generali con riferimento ai macro-indicatori. Sono inoltre illustrate le modalità previste per la registrazione, il monitoraggio e la comunicazione delle grandezze relative alla qualità tecnica e gli orientamenti dell'Autorità in merito ai meccanismi di incentivazione premi/penalità, nonché alle modalità di riconoscimento di oneri specifici.
scheda tecnica 
http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/748-17.htm

Delibera 10 novembre 2017 747/2017/R/idr: Bonus idrico
Il presente documento per la consultazione illustra gli orientamenti finali che l'Autorità intende adottare in merito alle modalità di determinazione dell'agevolazione da riconoscere alle utenze in condizioni di disagio economico sociale, nonché in merito alle modalità applicative per il riconoscimento e l'erogazione del bonus sociale idrico, sviluppati in esito alle osservazioni pervenute in merito alla precedente consultazione. Viene posto altresì in consultazione lo Schema di provvedimento finale che costituirà il testo integrato delle modalità applicative del bonus sociale idrico per la fornitura di acqua agli utenti domestici economicamente disagiati.
scheda tecnica 
http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/747-17.htm

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sono a disposizione  online gli atti del convegno Nazionale sullo stato di attuazione del Servizio Idrico Integrato tenutosi lo scorso 15 novembre a Napoli, presso l’Università Federico II. L'incontro ha costituito una significativa opportunità di discussione, focalizzata sul tema del servizio idrico integrato fra esponenti  dei Gestori, delle Istituzioni, degli Imprenditori e degli Accademici provenienti dalle diverse Regioni.

http://www.lacquaonline.it/servizio-idrico-integrato/2017/convegno-nazionale-sullo-attuazione-del-servizio-idrico-integrato-napoli-15-11-2017/

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La sentenza stabilisce la legittimità dell'applicazione del moltiplicatore tariffario (theta) pari a 0,9, ossia la determinazione d'ufficio della tariffa del servizio idrico da parte dell'Authority energia e sistema idrico nel caso in cui i dati forniti dal gestore siano incompleti o insufficienti.
Così ha deciso il Consiglio di Stato nella sentenza 27 novembre 2017, n. 5534 con la quale in riforma della decisione del Tar ha respinto le doglianze del gestore del servizio idrico in Campania confermando invece la legittimità dell'operato dell'AEEGSI, la quale approva la tariffa proposta dal gestore /EGA e, nel caso in cui i dati forniti dal gestore siano incompleti, la determina d'ufficio con un "valore theta" pari a 0,9 fissato d'ufficio
applicato sulle tariffe vigenti.  Il gestore del servizio idrico contestava il fatto che l'Autorità, prima di determinare la tariffa d'ufficio avrebbe dovuto verificare la possibilità di determinarla in base a criteri reali, sulla base dei dati inviatile dal gestore, per quanto formalmente non completi.
In realtà ai sensi delle disposizioni sopra citate non ci sono alternative: o la tariffa proposta dal gestore è approvata o nel caso di fornitura di dati incompleti l'Authority la determina d'ufficio. E la sua decisione in merito se non è illogica non è sindacabile dal Giudice.
E' lecito chiedersi se è stato tenuto in considerazione che probabilmente le tariffe vigenti sono state in precedenza verificate e approvate dal precedente soggetto verificatore (ATO/CCIAA/UPICA) e del considerevole danno economico complessivo, in un settore già in deficit di risorse per realizzare gli investimenti necessari per garantire un livello efficiente del servizio. Nella seguente tabella infatti sono stati aggregati tutti i gestori che hanno subito theta 0,9 (ossia una riduzione del 10% delle tariffe) nel periodo 2012-2015:

https://www.giustizia-amministrativa.it

 

Leggi la Sentenza 5534/2017   https://gallery.mailchimp.com/1191a00c06af954df348f973b/files/a43dd4b7-1b48-4d3e-8d24-fb58275a99a7/Sentenza_Consiglio_di_Stato_5534_27nov17.pdf

 

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Agici, società di ricerca specializzata nel settore delle utilities, delle rinnovabili, delle infrastrutture e dell’efficienza energetica promuove il nuovo progetto “Observatory for a Sustainable Water Industry” . L'Osservatorio si propone di fornire un importante contributo al dibattito interno al settore idrico integrandolo con la proposta di linee guida, dati e informazioni nell'ottica di una pianificazione strategica. Sarà coinvolto in operazioni di ricerca, articolate in tre sezioni: impatto sulla filiera industriale e dei servizi degli investimenti pianificati ed effettuati in base agli interventi dell’Aeegsi; disposizione delle utility italiane nei confronti delle problematiche scaturite dal cambiamento climatico attraverso l'analisi delle priorità strategiche e degli investimenti di un campione formato dalle 50 realtà più in vista del comparto; necessità dei consumatori in termini di impatto ambientale, controllo pubblico o meno delle aziende del settore, costi e qualità del servizio. Un working paper  incentrato sulle esigenze dei consumatori spiegherà i risultati degli studi effettuati, esposti anche nel primo rapporto annuale sul servizio idrico integrato. Entrambi i documenti saranno presentati al primo Workshop Oswi tra aprile e maggio 2018.

http://www.agici.it/

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Oltre ad avviare un procedimento finalizzato alla revisione ed integrazione delle disposizioni dell’Autorità in materia separazione contabile (unbundling) per il
settore dell’energia elettrica e del gas, per il settore idrico e per il servizio di telecalore, la delibera n. 742/2017 stabilisce importanti novità riguardanti il settore idrico:
- le raccolte dei conti annuali separati relative relativamente alle attività del settore idrico degli esercizi 2016 e 2017, sono da considerarsi sperimentali e non rientrano, pertanto, nei procedimenti di approvazione tariffaria;
- anche per l’esercizio 2017, ovvero il primo esercizio che si apre dopo il 31 dicembre 2016, la separazione contabile nelle attività del settore idrico possa essere effettuata con criteri convenzionali di natura ex post, purché documentabili e verificabili ed oggetto di illustrazione nella nota di commento;
- l’esenzione dagli obblighi di separazione contabile per i gestori affidatari del SII, ovvero di ciascuno dei singoli servizi che lo compongono, che abbiano ceduto l’affidamento dei relativi servizi entro il 31 dicembre 2017;


http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/742-17.htm

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'Osservatorio Gocce d'Acqua, che si pone l'obiettivo di sostenere e assistere i Comuni montani con popolazione inferiore a mille abitanti che vorrebbero continuare a gestire autonomamente il servizio idrico, nel rispetto della normativa vigente, ha avviato una ricognizione per chiedere alcuni dati (semplici ma essenziali) ai circa 1500 Comuni con le caratteristiche previste dall’art. 147 comma 2 bis del Testo Unico Ambientale. In particolare l'Osservatorio, che verrà presentato il 3 novembre a Bologna in occasione del convegno  "Sfida montagna: opportunità e risorse per lo sviluppo dei territori" organizzato da Uncem e Fondazione Montagne Italie, si pone queste finalità:
- Raccolta di dati per poter analizzare e comprendere queste realtà; - Fornire assistenza per il riconoscimento della gestione comunale da parte dell'Egato ai sensi dell'art. 147 comma 2 bis del TUA e per l'applicazione delle disposizioni dell'AEEGSI, CSEA, EGATO, ecc..