Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La presenza e possibile persistenza del SARS-CoV-2 nelle acque reflue e nel ciclo idrico integrato ha destato molte preoccupazioni relative agli impatti sulla salute umana. Fino ad ora, tuttavia, non c’è stata nessuna evidenza di trasmissione attraverso il contatto con le acque reflue e nessun rilevamento del virus nella sua forma infettiva nei reflui civili. Recentemente sono state pubblicate alcune revisioni delle ricerche svolte nell’ultimo anno circa la persistenza e infettività di SARS-CoV-2 nelle acque reflue e nelle reti fognarie (Giacobbo et al., 2021; Langone et al., 2020). Aldilà delle preoccupazioni sui possibili rischi sanitari, il rilevamento della presenza del virus nelle acque reflue e lungo le reti idriche può rappresentare un formidabile strumento di monitoraggio e prevenzione dei contagi. Gli strumenti di Wastewater-Based Epidemiology sono stati applicati al monitoraggio di SARS-CoV-2 già a marzo 2020 nei Paesi Bassi, dove hanno mostrato l’opportunità di sfruttare il rilevamento del virus nelle acque reflue civili per monitorarne la circolazione nella popolazione e come strumento di early warning (Medema et al., 2020). Nell’ultimo anno, in tutto il mondo sono state avviate campagne di campionamento/analisi delle acque reflue e i casi studio di maggiore successo (come nei Paesi Bassi, in Spagna, o negli Stati Uniti) hanno mostrato come sia possibile rilevare aumenti dei contagi giorni prima che questi siano identificati coi tamponi, individuare aree ad alto rischio, o monitorare la diffusione delle varianti. Uno degli episodi più rilevanti, sebbene relativo ad una piccola scala, è avvenuto la scorsa estate: in vista della ripresa dell’anno accademico, l’Università dell’Arizona ha svolto oltre 10.000 test sierologici ai propri studenti e lavoratori e ha avviato una campagna di monitoraggio della presenza di Sars-Cov-2 nelle reti fognarie dei propri campus. Appena risultati positivi alcuni campioni di acque reflue in un dormitorio, sono stati quindi svolti i tamponi a 311 persone, individuando 2 positivi asintomatici, prevenendo così la nascita di un focolaio (link). Come parte del piano "HERA Incubator”, il 17 Marzo 2021 la Commissione Europea ha adottato una Raccomandazione sul monitoraggio del COVID-19 e delle sue varianti nelle acque reflue nell'UE (link). L'obiettivo è promuovere un uso maggiore di questa fonte di informazioni sulla diffusione del virus e delle sue varianti, che darà un contributo significativo ed efficace, anche in termini di costi, ai processi decisionali in tema di salute pubblica. Il documento chiede agli Stati membri di mettere in atto sistemi di sorveglianza delle acque reflue e di garantire che i dati siano prontamente forniti alle autorità sanitarie competenti. Metodi comuni per il campionamento, la misurazione e l'analisi dei dati, supportati da una piattaforma di scambio europea, dovrebbero essere resi disponibili e utilizzati per garantire che i dati raccolti siano affidabili e comparabili. L’obiettivo è anche sostenere la condivisione delle migliori pratiche tra gli Stati membri, così come con paesi terzi che potrebbero non avere facilmente accesso a tali dati. La Commissione fornirà assistenza finanziaria per sostenere le attività di sorveglianza delle acque reflue e l'analisi sistematica delle varianti, nonché per creare una piattaforma di scambio europea dedicata. Ulteriori informazioni e collegamenti su questo argomento, disponibili su: Wastewater — Water Action Platform http://www.accadueo.com/nqcontent.cfm?a_id=10946

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

“Water Economy 2043: finanziamenti innovativi per il settore idrico” è l’evento promosso da Padania Acque, con il patrocinio di Utilitalia e Water Alliance, rivolto al mondo delle aziende di pubblica utilità e agli stakeholder del settore, con lo scopo di presentare le operazioni finanziarie di ultima generazione, come quella recentemente conclusa dal Gestore unico dell’idrico cremonese. Un maxifinanziamento da 134,5 milioni di euro fully amortizing loan, che non prevede il ricorso a garanzie da parte dei Soci, sottoscritto con un pool di otto banche: Intesa Sanpaolo, UBI Banca, Banco BPM, Crédit AgricoleCariparma, MPS Capital Services Banca per le Imprese, Credito Padano Banca di Credito Cooperativo, Credito Valtellinese e Cassa di Risparmio di Bolzano-Sparkasse. L’evento è stato trasmesso lunedì 10 maggio. Tanti i temi che sono stati affrontati: una panoramica dell’idrico italiano con un focus dedicato alla capacità delle imprese di fare sistema, alla solidità delle aziende (PIL e occupazione), collocando il lavoro quotidiano svolto dai gestori del Servizio Idrico Integrato nell’ambito degli obiettivi europei e dell’Agenda ONU. L’alleanza dell’acqua della Lombardia, modello di riferimento a livello nazionale ed europeo nella gestione efficiente delle acque, basata sul forte legame territoriale e la condivisione dei progetti di ricerca, delle migliori pratiche aziendali e degli obiettivi di sostenibilità ambientale. L’evento è stato un’occasione per scoprire il lavoro svolto in sinergia da tutte le parti coinvolte che ha permesso al Piano di Padania Acque di essere finanziato, tra i primi in Italia, nell’ambito della nuova regolazione tariffaria MTI-3, ovvero secondo il metodo tariffario recentemente aggiornato per il quadriennio 2020-2023 da ARERA, l’Autorità di Regolazione per l’Energia le Reti e l’Ambiente. Un unicum senza precedenti nel settore idrico italiano, con particolare riferimento alla durata ma anche per le caratteristiche strutturali del finanziamento, che si configura quale progetto su misura, pensato e costruito sulle esigenze di Padania Acque e del territorio cremonese.  E’ possibile rivedere l’evento al seguente link Il comunicato stampa qui Fonte: Utilitalia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’iniziativa H2O Utilities Forum che si è svolta il 20 maggio ha tracciato i trend di un comparto quanto mai vivo e pronto per un deciso salto nel futuro. L’acqua protagonista del webinar, il bene primario da gestire con sempre maggior cura; con visione, regole adeguate, innovazione nell’approccio come nei processi e nelle tecnologie. Per questo saranno chiamati a confrontarsi una serie di esperti di primo piano, che porteranno competenze ma pure punti di vista originali, al servizio di istituzioni e regolatori che sono chiamati oggi – a fronte delle ingenti risorse in arrivo col Recovery Fund – a organizzare un sistema capace di progettualità e qualità nelle proposte. Sarà proprio la messa in rete di iniziative solide a porre le condizioni per non perdere niente dei finanziamenti stanziati per il settore idrico di cui il Paese potrà disporre. E l’evento del 20 maggio – quest’anno nuovamente in edizione full digital – è stato un importante momento di confronto per sensibilizzare gli stakeholder ad azioni concertate . Gli esperti che si sono alternati hanno tutto lo standing per portare valore e testimoniare ancora una volta quanta ricchezza e competenze questa community esprima; testimonial sempre più al servizio di interessi generali, collettivi, utili ai cittadini e allo sviluppo delle imprese. http://energiamedia.it/investimenti-innovazione-e-regolazione-per-una-filiera-industriale-semprepiu-avanzata-utilities-forum/

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La nuova Direttiva europea sulla qualità delle acque potabili: aggiornamento dei parametri esistenti e nuovi parametri. di Renato Drusiani, Marco Gatta, Tania Tellini La nuova direttiva sulla qualità delle acque potabili è stata approvata dal Parlamento Europeo il 16 dicembre 2020 ed è entrata in vigore il 12 gennaio 2021 a seguito della pubblicazione2 . Si tratta dell’aggiornamento, mediante abrogazione e rifusione della direttiva 98/83/Ce3 concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano che in Italia era stata recepita dal D.Lgs 31/2001. L’obiettivo della nuova direttiva, già presente nella direttiva del 1998, è la tutela della salute umana dagli effetti negativi derivanti dalla contaminazione delle acque destinate al consumo umano. Questo viene rafforzato non solo rivedendo i parametri esistenti ed i loro valori ma anche attraverso l’armonizzazione degli standard relativi ai materiali a contatto con l'acqua potabile nonché l’introduzione di un approccio basato sul rischio. La direttiva si inserisce nell’ambito degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) dell’Agenda ONU 2030, in particolare costituisce un impegno assunto verso l’obiettivo n.6 “Garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie” ed è la prima legislazione europea che viene adottata in seguito ad un’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE), lo strumento di democrazia partecipativa dell’UE, denominata “Right2Water”.... Scarica il documento

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sono state pubblicate sul sito Arera le recenti approvazioni degli specifici schemi regolatori, recanti le predisposizioni tariffarie per il periodo 2020-2023: 1) Delibera 30 marzo 2021 n. 139/2021/R/idr: approvazione predisposizioni tariffarie per il periodo 2020-2023, proposti dall'AUSIR per i gestori AcegasApsAmga S.p.A. e  Acquedotto del Carso S.p.A. https://www.arera.it/it/docs/21/139-21.htm TESTO Testo in formato PDF ALLEGATI Allegato A Allegato B 2) Delibera 6 aprile 2021 n. 143/2021/R/idr: approvazione dello schema regolatorio per il periodo 2020-2023, proposto dall’Agenzia Territoriale dell’Emilia-Romagna per i Servizi Idrici e Rifiuti per il gestore IRETI S.p.A. (operante nel sub ambito – Reggio Emilia) https://www.arera.it/it/docs/21/143-21.htm3) Delibera 6 aprile 2021 n. 144/2021/R/idr: approvazione dello schema regolatorio per il periodo 2020-2023, proposto dall’Agenzia Territoriale dell’Emilia-Romagna per i Servizi Idrici e Rifiuti per il gestore HERA S.p.A. (operante nel sub ambito – Modena) https://www.arera.it/it/docs/21/144-21.htm  4) Delibera 13 aprile 2021 n. 151/2021/R/idr: approvazione dello schema regolatorio per il periodo 2020-2023, proposto dall’Autorità Unica per i Servizi Idrici e i Rifiuti per il gestore Hydrogea S.p.A. https://www.arera.it/it/docs/21/151-21.htm  5) Delibera 20 aprile 2021 n. 163/2021/R/idr: approvazione dello schema regolatorio per il periodo 2020-2023, proposto dall’Autorità Unica per i Servizi Idrici e i Rifiuti per il gestore Livenza Tagliamento Acque S.p.A. https://www.arera.it/it/docs/21/163-21.htm

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sono state pubblicate sul sito Arera le recenti approvazioni degli specifici schemi regolatori, recanti le predisposizioni tariffarie per il periodo 2020-2023: 1) Delibera 2 marzo 2021 n. 84/2021/R/idr: approvazione predisposizioni tariffarie per il periodo 2020-2023, proposto dall'Autorità Idrica Toscana per il gestore Acquedotto del Fiora S.p.A. https://www.arera.it/it/docs/21/084-21.htm 9 2) Delibera 2 marzo 2021 n. 85/2021/R/idr: approvazione dello schema regolatorio per il periodo 2020-2023, proposto dall'AATO 2 Marche - Centro Ancona per il gestore Viva Servizi S.p.A. https://www.arera.it/it/docs/21/085-21.htm 10 3) Delibera 9 marzo 2021 n. 100/2021/R/idr: approvazione dello schema regolatorio per il periodo 2020-2023, proposto dall'Ufficio d'Ambito della Provincia di Pavia per il gestore Pavia Acque S.c.a.r.l. https://www.arera.it/it/docs/21/100-21.htm 11 4) Delibera 9 marzo 2021 n. 101/2021/R/idr: approvazione dello schema regolatorio per il periodo 2020-2023, proposto dall'Autorità Unica per i Servizi Idrici e i Rifiuti per il gestore IRISACQUA S.r.l. https://www.arera.it/it/docs/21/101-21.htm 12 5) Delibera 23 marzo 2021 n. 120/2021/R/idr: approvazione dello schema regolatorio per il periodo 2020-2023, proposto dall'Agenzia Territoriale dell'Emilia-Romagna per i Servizi Idrici e Rifiuti per il gestore HERA S.p.A. (operante nel sub ambito - Bologna). https://www.arera.it/it/docs/21/120-21.htm 13

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'Università di Udine, con la collaborazione dei gestori del SII friulani, ha organizzato per il biennio 2020-2021 un Master in Innovazione tecnologica e management del ciclo idrico integrato. Il Master, ormai alle ultime battute, ha pienamente raggiunto i propri obiettivi, fornendo un'alta specializzazione ad oltre 30 discenti, i quali saranno in grado di:  Affrontare e risolvere le problematiche quali-quantitative del CII con strumenti moderni;  Produrre dimensionamenti e simulazioni delle varie parti del CII;  Introdurre le nuove prospettive di monitoraggio, controllo delle tossicità residuali e igienico sanitarie del CII;  Determinare un nuovo approccio al management del CII mediante una nuova visione del SII;  Conoscere, riprendere e discutere la legislazione relativa al CII, su basi territoriali negli aspetti critici e in visione prospettica. Pubblichiamo le slides del modulo didattico presentato dall'ing. Battiston (direttore CAFC spa) dal titolo "La Regolazione del Servizio Idrico Integrato: Modelli organizzativi" https://www.uniud.it/it/didattica/formazione-post-laurea/master/alta-formazione/area-scientificotecnologica/acqua

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ARERA ha pubblicato il documento nel quale ha formulato le proprie considerazioni e proposte in ordine al Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), approvato nel corso della riunione del Consiglio dei Ministri del 12 gennaio scorso e ora all'esame, in sede consultiva, del Parlamento alle Commissioni 10a Industria, commercio, turismo, 5a Bilancio e 14a Politiche dell'Unione europea del Senato della Repubblica. Il citato PNRR descrive gli obiettivi strategici e le linee di intervento che l'Italia intende adottare ai fini dell'utilizzo delle risorse messe a disposizione nell'ambito del programma Next Generation EU, che garantirà al nostro Paese risorse aggiuntive per circa 224 miliardi di euro (nell'arco di sei anni), con l'obiettivo di favorire la ripresa e di limitare i negativi effetti economici e sociali determinatisi a seguito dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. La  presente memoria si concentrerà sui temi maggiormente afferenti alle competenze di questa Autorità, che fanno riferimento ad alcune delle componenti della Missione 2, denominata "Rivoluzione verde e transizione ecologica", che riguarda i grandi temi dell'economia circolare e della transizione energetica, in funzione degli obiettivi del Green Deal (riduzione delle emissioni climalteranti del 55% al 2030 e raggiungimento della neutralità climatica al 2030). Si fa riferimento, in particolare, alla componente "Impresa/Agricoltura verde ed economia circolare", quella indicata come "Energia rinnovabile, idrogeno e mobilità sostenibile", e infine a quella definita "Tutela del territorio e risorsa idrica". https://www.arera.it/it/docs/21/086-21.htm

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il 19 aprile si è tenuta una riunione aperta tra: - ANPCI; - Comuni che gestiscono direttamente il servizio idrico; - Osservatorio Gocce d’Acqua. Hanno partecipato circa 75 comuni che gestiscono il servizio idrico direttamente. Tutti hanno sottolineato l'eccessiva complessità di molte disposizioni regolatorie dell'Autorità nazionale competente in materia (dal 2012 Arera) e la obiettiva inapplicabilità di altre. Nel corso dell'incontro sono stati condivisi i seguenti obiettivi: 1-Incontro con il Collegio Arera; 2-Richiesta di partecipazione dell’ANPCI al sottogruppo Idrico all’interno dell’Osservatorio Arera; 3-Istituzione di un Tavolo tecnico Anpci, Gocce d’acqua, Rappresentanti Comuni per analizzare approfondire specifici temi regolatori e proporre semplificazioni ad Arera; 4-Incontro con Capi Gruppo Parlamentari per migliorare l'art. 147 del D.Lgs 152/2006 ed il riconoscimento normativo di una regolazione semplificata per i piccoli comuni gestori idrici. http://www.goccedacqua.it

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Con delibera 21 dicembre 2017, 897/2017/R/idr, e il relativo Allegato TIBSI, l'Autorità, nel definire una prima disciplina del bonus sociale idrico (poi integrata, con riferimento all'annualità 2020, dalla delibera 3/2020/R/idr, che ha esteso la possibilità di accedere al meccanismo di compensazione della spesa sostenuta per la fornitura idrica anche ai titolari di Reddito/Pensione di cittadinanza, commisurando il bonus non solo alla tariffa agevolata di acquedotto, ma anche alla tariffa di fognatura e depurazione) ha, tra l'altro, previsto obblighi informativi in capo ai soggetti coinvolti nel meccanismo di agevolazione e le modalità di comunicazione dei dati. In particolare, si rammenta che ai sensi dell'articolo 12 del TIBSI, i gestori del servizio idrico integrato sono tenuti a comunicare all'Autorità e al pertinente Ente di governo dell'ambito i dati e le informazioni relativi al bonus sociale idrico e al bonus idrico integrativo, entro il 31 marzo di ogni anno. Al fine di riscontrare gli obblighi informativi e di comunicazione dei dati relativi all'annualità 2020, tutti i gestori (che fatturano) devono trasmettere all'Autorità e al pertinente Ente di governo:  le informazioni di sintesi di cui ai commi 12.3 e 12.4 del TIBSI (disaggregate per ATO) nel formato e secondo lo schema Arera;  una nota illustrativa, prevista dal comma 12.5 del TIBSI, contenente la descrizione della tipologia di agevolazione riconosciuta su base locale, qualora prevista, a favore degli utenti in condizioni di vulnerabilità economica.  Le informazioni dovranno essere inviate entro il 31 marzo 2021 via posta elettronica con messaggio avente ad oggetto "Bonus sociale idrico e Bonus idrico integrativo - Comunicazione dati anno 2020" all'indirizzo pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e, in copia, all'indirizzo email serviziQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.. L'attività di verifica richiesta agli Enti di governo dell'ambito (ai fini della relazione di validazione dei dati da inviare alla Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali, ai sensi del comma 11.3 ter del TIBSI) è volta a garantire che i dati comunicati dai gestori ai sensi del richiamato articolo 12 del TIBSI, in particolare quelli relativi alla tariffa agevolata e alle tariffe di fognatura e depurazione applicate, nonchè ai relativi volumi fatturati (secondo quanto previsto dal comma 10.1 del TIBSI, il gestore, a far data dal 1° gennaio 2020, è tenuto a dichiarare a CSEA i volumi fatturati all'utenza per il servizio di acquedotto, fognatura e depurazione ai fini del versamento dell'ammontare derivante dall'applicazione della componente perequativa UI3), risultino coerenti e congrui con i dati comunque acquisiti dai medesimi Enti di governo per altre finalità. https://www.arera.it/it/comunicati/21/210305idr.htm

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'ISTAT, in occasione della Giornata mondiale dell'acqua, ha fornito un focus tematico multi-fonte che propone risultati provenienti da diverse indagini, elaborazioni e analisi, offrendo una lettura integrata del fenomeno con riferimento agli aspetti legati sia al territorio sia alla popolazione. Nel 2018, non sono collegati al servizio pubblico di depurazione 18 milioni di residenti. Le perdite idriche in distribuzione sono in costante aumento (42,0% nel 2018). Nel 2020 una quota pari all’87,4% delle famiglie è molto o abbastanza soddisfatta del servizio idrico. In 9 comuni capoluogo di provincia/città metropolitana, tutti nel Mezzogiorno, sono adottate nel 2019 misure di razionamento nella distribuzione dell’acqua. Nel 2020 il 67,4% di persone di 14 anni e più è attenta a non sprecare acqua. https://www.istat.it/it/archivio/255596 Testo integrale e nota metodologica

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La qualità del servizio idrico integrato viene costantemente misurata dal 2015, da quando ARERA (l'Autorità di regolazione per Energia Reti e Ambiente), ha definito la regolazione per la Qualità contrattuale. Solo per gli aspetti "contrattuali" - come il numero di prestazioni erogate, i tempi per l'esecuzione delle prestazioni, l'avvio la gestione e la cessazione del rapporto contrattuale con gli utenti - vengono costantemente monitorati 42 parametri per ogni gestore del servizio idrico in tutta Italia. La mole di dati che ne scaturisce era, fino ad oggi, interpretabile solo dagli addetti ai lavori. Da oggi, invece, ARERA pubblica sul proprio sito infografiche navigabili, che consentono a chiunque di confrontare la situazione del proprio comune di residenza con il resto del Paese o le specifiche caratteristiche del gestore di appartenenza. All'indirizzo https://www.arera.it/it/dati/QSII.htm si possono trovare due diverse schermate. Nella vista intitolata "Gli obblighi di qualità del servizio all'utenza" è possibile visualizzare e raffrontare i livelli delle prestazioni da 248 gestori che erogano il servizio idrico a 48,3 milioni di abitanti residenti (circa l'80% della popolazione residente in Italia). I dati sono interrogabili selezionando per regione, comune, gestione o classe di performance e i colori aiutano ad avere una percezione immediata di quali siano le zone in ritardo nel servizio o nell'invio di dati all'Autorità. https://www.arera.it/it/dati/QSII.htm#prima Nella seconda schermata "Quant'è di qualità il servizio idrico del tuo gestore?" si possono approfondire le performance di qualità contrattuale offerte dai gestori ai propri utenti. In questo caso i dati riguardano un panel di 327 gestioni al servizio di circa 50,5 milioni di abitanti (84% della popolazione residente italiana). Anche questi dati sono interrogabili interattivamente selezionando per comune o per gestione. https://www.arera.it/it/dati/QSII.htm#seconda Le pagine del sito contribuiscono alla trasparenza delle informazioni verso i consumatori e alla concreta possibilità di comparazione tra le gestioni virtuose e quelle in ritardo. "Il sito istituzionale dell'ARERA si arricchisce di un vero e proprio strumento di servizio per i consumatori, consentendo di paragonare le prestazioni" - afferma Andrea Guerrini, componente del collegio ARERA e presidente di Wareg, l'associazione europea dei regolatori idrici -"Siamo in linea con le migliori esperienze europee di sunshine 6 regulation, una regolazione alla luce del sole che, con la pubblicazione periodica degli indicatori, punta ad un esercizio essenziale di trasparenza e di incentivazione al miglioramento delle performance, con effetti reputazionali, positivi e negativi, sui gestori". Le slide presentate al webinar: Verso una regolazione trasparente nel settore idrico Andrea Guerrini - componente Collegio ARERA e presidente Wareg La qualità contrattuale e tecnica dei sistemi idrici in Italia Lorenzo Bardelli - Direttore Divisione Ambiente ARERA La qualità contrattuale del servizio idrico nei territori Donato Berardi - Direttore del Laboratorio di REF Ricerche https://www.arera.it/it/dati/QSII.htm